Dr Martens Damen Delphine Nero Lucido Liscio Stiefel Schwarz nero

B06Y15946V
Dr. Martens Damen Delphine Nero Lucido Liscio Stiefel Schwarz (nero)
  • Donne
  • Materiale superiore: pelle
  • Materiale interno: pelle
  • suola: sintetico
  • Chiusura: lacci delle scarpe
  • forma del tallone: ​​piatta
Dr. Martens Damen Delphine Nero Lucido Liscio Stiefel Schwarz (nero) Dr. Martens Damen Delphine Nero Lucido Liscio Stiefel Schwarz (nero) Dr. Martens Damen Delphine Nero Lucido Liscio Stiefel Schwarz (nero) Dr. Martens Damen Delphine Nero Lucido Liscio Stiefel Schwarz (nero) Dr. Martens Damen Delphine Nero Lucido Liscio Stiefel Schwarz (nero)

Il giorno finale è arrivato per il processo milanese contro  Fabrizio Corona , che vede al centro  quei quasi 3 milioni di euro trovati in parte in un controsoffitto, in parte in Austria . La sentenza arriva presto, nel primo pomeriggio. L’ex fotografo dei vip  viene condannato a un anno dal Tribunale di Milano per sottrazione fraudolenta delle imposte.  Assolto, invece, per altri due reati, quello più grave, di intestazione fittizia dei beni e la violazione delle norme patrimoniali sulle misure di prevenzione.

L’accusa aveva chiesto 5 anni.

Corona, mentre ascolta la sentenza, è soddisfatto.  «Giustizia è fatta» , dice dopo, abbracciando il suo legale. L’ex agente era stato arrestato (di nuovo) lo scorso 10 ottobre – nell’ambito dell’inchiesta sui  1,7 milioni di euro   trovati nel controsoffitto di casa di Francesca Persi,  sua collaboratrice, e sugli  800 mila euro  custoditi in due cassette di sicurezza in Austria – mentre era in affidamento in prova ai servizi sociali per scontare condanne già definitive. Come sempre,  Silvia Provvedi,  la fidanzata dell’ex re dei paparazzi, è presente in aula. E prima del verdetto, Fabrizio si era rivolto anche a lei.

«Non perché il tema "Detto Fatto" proposto dalla Diocesi non sia valido e bello ovviamente - ha spiegato Vittorio De Giacomo, guida laica all’oratorio - abbiamo preferito però personalizzare molto il messaggio per renderlo più nostro : i ragazzi sono coinvolti, si tratta infatti di costruire da zero un percorso, curarlo, seguirlo, si inventano attività particolari». Il principio di base è che  non si smette mai di fare catechismo : lo si veste solo in maniera diversa e più leggera, con tanto gioco e divertimento, il messaggio deve però essere sempre presente e chiaro.

E a Caino il lavoro certo non manca per Vittorio e per don Marco Domenighini: 170 ragazzi, dall’asilo alla terza media , 35 animatori e 60 volontari, tutti adeguatamente formati con corsi specifici tenuti durante l’anno in oratorio. Vittorio nel suo ruolo di guida laica, si occupa della gestione della struttura: «È estremamente coinvolgente racconta - certo  Etnies Scout Xt Sneaker Nero / Reale
 che tenere i ragazzi». Perché quello della guida è in effetti una figura nuova, introdotta da poco, e come tutte le novità necessita tempo per essere adeguatamente accettata ed assimilata. Sempre presente è però  don Marco , che ha alle spalle anni da missionario in giro per il mondo: «Il nostro grest è una proposta ormai collaudata, è il centro della vita in oratorio con il catechismo».